Acquisto prima casa: Consigli mutuo

ACQUISTO PRIMA CASA

Acquisto prima casa: come risparmiare sul mutuo.

Acquisto prima casa

INTRO

Il mercato immobiliare sta dando i primi segnali di ripresa. Nell’ ultimo periodo il mercato del compro vendo casa è aumentato considerevolmente. Complice il fatto della caduta dei prezzi delle case.

Oggi comprare una casa, porta numerosi benefici. Il primo beneficio consiste nell’ acquisto ad un prezzo più umano. Il secondo beneficio è che nel caso di ristrutturazioni avremmo diretto al 65% di detrazioni. In pratica il 65% dei costi fatturati per la ristrutturazione, ti verranno riaccreditati in dieci anni.

Questi due vantaggi usati insieme ti permetteranno di fare ottimi affari sull’ acquisto prima casa.

Per acquistare la prima casa la maggior parte di noi avrà bisogno di un mutuo.

SCELTA DEL MUTUO

Per l’ acquisto della tua prima casa probabilmente avrai bisogno di un mutuo. Adesso vedremo tutti i consigli sulla scelta del mutuo. In base alle tue esigenze ti si presenteranno quattro scenari:

  1. A tasso variabile. Il mutuo a tasso variabile rappresenta la maggior parte delle offerte delle banche. Hanno tassi d’ interesse minimi ma rischiano di non essere stabili.
  2. Tasso variabile con cap. Questi sono meno proposti dalle banche rispetto ai tasso fisso. Garantiscono una certa copertura in caso di rialzo d’ interesse.
  3. A rata fissa e durata variabile. E’ perfetto per tutti quelli che non possono permettersi un aumento della rata nel tempo e vogliono distribuire l’ interesse su tutta la durata del mutuo.
  4. A tasso fisso. Il mutuo a tasso fisso, oggi, ha un interesse molto simile al tasso variabile.

Presta attenzione anche alle spese sulla documentazione. Oggi le banche non fanno più pagare le spese d’ istruttoria ma rimangono ancora le spese per: le copie planimetriche, polizza vita e multirischi e la parcella del notaio.

Se il mutuo scelto in precedenza non soddisfatta i nostri bisogni è possibile rinegoziare il mutuo. Non tutti lo sanno ma possiamo migliorare il nostro tasso d’ interesse.

RINEGOZIAZIONE DEL MUTUO

Se il nostro mutuo non ci soddisfa oppure è diventato troppo oneroso possiamo trovare diverse soluzioni:

LA RINEGOZIAZIONE

La rinegoziazione è un accordo tra banca e debitore per modificare le condizioni contrattuali. Con questa soluzione è possibile modificare: la durata del contratto, l’ importo e il tasso d’ interesse.

LA SOSTITUZIONE

La sostituzione del mutuo in pratica funziona cosi. Il debitore chiede alla banca di estinguere il mutuo perchè lo sposta su un altro istituto di credito. Il tutto mantenendo i benefici fiscali ottenuti.

PORTABILITA’ CON SURROGAZIONE DELL’ IPOTECA

In questo caso funziona cosi: Viene trasferito il mutuo ad un’ altra banca, mediante la sostituzione di questa ultima nella ipoteca già inscritta al mutuo di origine. Con la surrogazione, il mutuo viene trasferito in un’ altro istituto di credito. E’ possibile modificare il tasso del mutuo e la durata senza spese aggiuntive.

Potrebbero interessarti: Come risparmiare soldi ogni giorno.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

Leave a Reply