Come risparmiare sul gas: 8 consigli pratici

149

RISPARMIARE SUL GAS

Come risparmiare sul gas: tecniche e consigli per ridurre al minimo gli sprechi e risparmiare in bolletta.

come risparmiare sul gas

La bolletta del gas incide notevolmente sui conti delle famiglie. Il gas come tutti sappiamo viene utilizzato per gli impianti di riscaldamento e per cuocere in cucina. Incide, mediamente, fino a 2000 euro l’ anno. E non tutti sanno che è possibile valutare di cambiare fornitore per trovare tariffe più convenienti. Ma non solo, tra nord e sud la differenza dei costi è alta, si stima che una famiglia di Milano rispetto a una di Napoli può consumare fino a sei volte di più per il riscaldamento.

Per prima cosa, prima di passare ai nostri consigli, ti consiglio di leggere la nostra guida su come risparmiare sul riscaldamento. Ma adesso vediamo i macro consigli per ridurre le spese.

CONSIGLI PER RISPARMIARE SUL GAS

Qui di seguito elencheremo i principali consigli da adottare per tagliare i costi in bolletta:

  1. Temperatura

    Mai e poi mai superato i 20 gradi in casa. Un solo grado in più inciderà notevolmente sui costi e per convincerti ancora di più, sopra quella temperatura l’ aria può diventare poco salutare. Quindi, la prima regola è, regolare la temperatura in casa. Se avete freddo un maglione di lana potrà confortarvi. Se avete un riscaldamento autonomo regolatelo in maniera che quando non siete in casa abbassi la temperatura. Ogni grado che riuscirete ad abbassare porterà ad un risparmio di circa il 5%.

  2. Termosifoni

    I radiatori non dovranno mai essere coperti da niente o nascosti dietro mobili. Il rilascio del calore non deve essere contrastato da nulla. Anzi, dovremmo cercare di migliorare l’efficienza installando tra il muro e il termo un pannello radiante. Ricordarsi sempre si spurgare i termosifoni prima di accenderli, rispettando l’ ordine. Partendo dall’ ultimo fino al più vicino alla porta d’ ingresso. Spurgare i termosifoni significa togliere le bolle d’ aria all’ interno per evitare vuoti di calore, se non togliete le bolle non ottimizzerete i termosifoni. Se dovete ristrutturare valutate di tenere i vecchi termi in ghisa. La ghisa rispetto ai moderni in acciaio rilascia in maniera più costante il calore. Preferiteli a quelli nuovi se volete avere un risparmio. Valutate di comprare delle valvole termostatiche per controllare i consumi oppure un termostato in casa per il riscaldamento autonomo.

  3. Serramenti

    I serramenti sono la causa principale della dispersione di calore. Bisogna tenerli sempre in ordine se si vuole isolare la casa il più possibile. Per il ricambio d’ aria giornaliero basterà tenere aperte le finestre dieci minuti e non tutta la mattina. Valutate la loro usura, se dovete cambiarli sappiate che ci sono le detrazioni per il risparmio energetico, sceglieteli con doppi vetri per ridurre la dispersione del calore. Di notte abbassate le tapparelle per aumentare gli strati tra voi e l esterno.

  4. Caldaia

    Ricordatevi di fare sempre la manutenzione alla caldaia, nei tempi previsti dalla legge, per ridurre gli sprechi e per la vostra sicurezza visto che si parla di gas. Regolate la mandata dell’ acqua calda non oltre i 45 gradi. E se dovete cambiarla preferite le nuove caldaie a condensazione, che sono capaci di ridurre gli sprechi riutilizzando la condensa che si forma. Informatevi sugli incentivi statali.

  5. Cucina

    Preferite le pentole a pressione e salate l’ acqua solo in fase di ebollizione per ridurre i tempi. Se invece dovete cambiare la cucina valutate i fuochi elettrici. In pratica queste nuove cucine scaldano delle pentole speciali con l’ elettricità. Il risultato è un risparmio energetico ma soprattutto un aumento della sicurezza dato che elimineremo il gas in cucina.

  6. Isolamento

    Se la vostra casa è fredda, potrebbe avere bisogno di un cappotto. Un cappotto è un isolante per pareti, in pratica metteranno un ulteriore strato di materiale isolante nel muro che farà diventare la vostra casa calda in inverno e fresca d’ estate. Per isolare una casa esistono anche ulteriori alternative a seconda del proprio problema. Ad esempio se abitate all’ ultimo piano di un condominio è possibile inserire uno strato di sostanza cellulosa nel sotto tetto, evitando la dispersione del calore e usufruendo del caldo proveniente dagli appartamenti sottostanti.

  7. Fornitore

    Adesso siamo nel mercato libero, potreste valutare di cambiare fornitore di gas risparmiando parecchi euro all’ anno. Se invece avete un reddito basso, potreste informarvi presso il vostro comune per chiedere il bonus sociale gas, vi garantiranno uno sconto speciale in bolletta.

  8. Fotovoltaico o Eolico

    Se ne avete la possibilità valutate gli impianto fotovoltaici o eolici, potrete godere delle detrazioni statali e vi forniranno energia pulita da utilizzare in casa. In questo caso vi consigliamo di approfondire la guida come risparmiare energia elettrica in casa.

Adesso siete a conoscenza delle diverse tecniche per come risparmiare sul gas, ma per approfondire l’ argomento vi consigliamo di leggere la guida come risparmiare sul riscaldamento.