Investire in Criptovalute: Ce lo spiega Pierluigi Di Teodoro

17

Gli investimenti “moderni”

Investire in Criptovalute: Oggi parliamo di bitcoin e blockchain.

Nell’ intervista di oggi parlerà l’ esperto: Pierluigi Di Teodoro!

Ma partiamo per gradi…

Investire in Criptovalute

Cos’ è una criptovaluta?

Una criptovaluta (o crittovaluta o criptomoneta) è una valuta paritaria, decentralizzata digitale la cui implementazione si basa sui principi della crittografia per convalidare le transazioni e la generazione di moneta in sé.
Dobbiamo subito chiarire che cosa è la crittografia. Una moneta di crittografia è un mezzo di scambio come le valute normali come USD, euro, CNY Chinese Yuan, ma concepiti allo scopo di scambiare informazioni digitali attraverso un processo reso possibile da determinati principi di crittografia. La crittografia viene utilizzata per assicurare le operazioni e per controllare la creazione di nuove monete.

Cos’è il Bitcoin?

Bitcoin è una nuova valuta creata nel 2009 da una persona sconosciuta che utilizza l’alias Satoshi Nakamoto.
La creazione e lo scambio di questa moneta avvengono tramite il protocollo peer-to-peer. Il suo valore è molto volatile, cambia continuamente.
Bitcoin è una rete di consenso che consente un nuovo sistema di pagamento e una moneta completamente digitale. È la prima rete decentralizzata di pagamento tra peer-to-peer che è alimentata dai propri utenti senza autorità centrale o intermediari. Bitcoin è meglio descritto come la prima valuta digitale decentralizzata. È il più grande del suo genere in termini di valore totale di mercato.
Il sistema è peer-to-peer; gli utenti possono effettuare transazioni direttamente senza aver bisogno di un intermediario. Le transazioni vengono verificate da nodi di rete e registrati in un registro pubblico distribuito chiamato blockchain.

Cos’ è il blockchain?

Il blockchain è l’innovazione tecnica principale di bitcoin, dove funge da registro pubblico di tutte le transazioni bitcoin.
Ogni utente è autorizzato a connettersi alla rete, inviare nuove transazioni, verificare le transazioni e creare nuovi blocchi, rendendo meno autorizzata.
L’obiettivo Blockchain è infatti quello di liberare l’uomo da qualunque forma di fiducia siamo oggi costretti ad accordare agli intermediari che regolano buona parte delle nostre vite di cittadini.
Grazie alla blockchain gli individui scambiano beni e prendono accordi tra di loro, approfittando degli automatismi garantiti da questa tecnologia. Non ci sono banche, non ci sono notai, non ci sono finanziarie: ogni ente centrale viene sostituito da un codice matematico che non richiede nessuna fiducia e che non può essere manomesso.

Investire in criptovalute:

Come posso iniziare?

Per Investire in Criptovalute devi conoscere alcune cose.
I “luoghi” dove scambiare crypto-asset si chiamano Exchange e si dividono in due grandi categorie: quelli (wallet) che accettano depositi in valuta emessa da banche centrali (fiat) come gli euro, i dollari americani, gli yen giapponesi; e gli Exchange che invece supportano solamente criptovalute.
Volendo fare un paragone con la finanza tradizionale, si potrebbe confrontare un exchange con una borsa valori come Piazza Affari o Wall Street. Per inviare bitcoins, hai bisogno di due cose: un indirizzo bitcoin e una chiave privata.
Un indirizzo bitcoin viene generato in modo casuale, ed è semplicemente una sequenza di lettere e numeri. La chiave privata è un’altra sequenza di lettere e numeri, ma a differenza dell’indirizzo di bitcoin, questo viene mantenuto segreto.
Pensate al vostro indirizzo bitcoin come cassetta di sicurezza con un davanti di vetro. Tutti sanno cosa c’è, ma solo la chiave privata può sbloccarlo per prendere cose o mettere le cose.

Quali criptovalute scegliere?

Investire in Criptovalute: I nostri consigli.
Nessuna criptovaluta è da ritenersi assolutamente a prova di bomba. La fiducia cieca nel fatto che x oppure y cresceranno senza sosta all’infinito è piuttosto irrazionale, ma è frutto della “febbre da Blockchain” che si sta vivendo in questo momento storico.
Come tutelarsi dunque dal rischio? La risposta è semplice: diversificando la composizione del portafoglio.
All’aumentare del numero di criptovalute possedute, si riduce l’esposizione al rischio verso uno di questi. Se dunque possedete 10 criptovalute e solo uno di questi crolla, probabilmente gli altri 9 riusciranno ad annullare la perdita derivante dal crollo del primo e nella migliore delle ipotesi perfino a “più che compensarla”.

Insomma siamo in piena Evoluzione finanziaria!

Siete pronti e desiderosi di entrare nel mondo delle criptovalute?
Come si acquistano? Quali wallet o exchange? Come poter guadagnare?
Se siete interessati e volete ricevere tutte le informazioni, una consulenza o un consiglio scrivete un’email a:
Approfondisci la nostra categoria finanza.